Gruppi di Studio Telematici – Comunicazione

Carissimi Tutti,

nel 2018 alcune persone si erano rese disponibili ad attivare dei Gruppi di Studio Locali, ma il fatto di essere noi così variamente sparsi in tutta Italia ne ha reso difficile la creazione in alcuni casi e la continuità in altri. Vorrei suggerire a chi è arrivato recentemente su questo blog di prendere visione della pagina dei Referenti Locali nel caso fossero presenti nei loro dintorni. Comunque, considerando la difficoltà data dalle distanze, e confidando su una maggiore diffusione e stabilità del mondo Internet, per chi non avesse la possibilità di trovarsi in uno spazio locale, ora si apre l’opportunità di trovarsi in uno spazio temporale 🙂 attraverso l’attivazione di due Gruppi di Studio Telematici, in questo caso sulla piattaforma Skype.

I due Gruppi di Studio Telematici sono coordinati uno da Stefano (referente per Torino e del quale potete ascoltare gli interventi durante lIncontro dei Referenti Locali 2018), e l’altro da Paola, che gestisce questo blog.

Il Materiale WM è talmente vasto e profondo che è lecito avere qualche difficoltà a collegare non solo le informazioni scritte nei testi, ma anche quelle presenti nel resto della produzione: musica, dipinti, poesie, tecniche. I due Gruppi di Studio si propongono di  facilitare la navigazione in questo oceano che è il Materiale WM, e intendono farlo attraverso l’esperienza ormai ventennale e dedicata dei coordinatori, che hanno sviluppato il loro personale approccio allo studio. L’intento è che ciascun partecipante sviluppi poi il suo proprio personale approccio… :-).

I due Gruppi di Studio sono indipendenti, viaggiano in parallelo e collaborano, pur avendo ciascuno una visione che è brevemente esposta qui sotto.

Gruppo di Studio – LTO, coordinato da Stefano (murastefano@outlook.com) ––– In questo Gruppo si proverà ad applicare un approccio capillare secondo quanto indicato dall’Ordine degli Insegnamenti dei Lyricus (LTO) di cui James Mahu è membro, allo scopo di stimolare un’intelligenza fluida in grado di favorire una sempre maggiore comprensione dei materiali quale scopo primario degli stessi. Non saranno presi in esame studi esterni ai materiali o relazioni con altri materiali esterni di altre fonti. L’incontro è previsto di domenica, con cadenza quindicinale e in orario da definire insieme.

Gruppo di Studio – DMI, coordinato da Paola (contatto) ––– Studieremo il Materiale seguendo in linea di massima le indicazioni date nel sito WingMakers StudyGroups, cioè scegliendo un testo per approfondirlo, sviluppandone i collegamenti con il resto del Materiale e condividendo le nostre esperienze. L’incontro è previsto di  giovedì sera, con cadenza quindicinale e in un orario che definiremo insieme.

La partecipazione è gratuita e aperta per entrambi i Gruppi, e le richieste di informazioni e le adesioni vanno indirizzate ai riferimenti dei coordinatori.

Un abbraccio a tutti! 🙂

Pubblicato in Comunicazioni, Comunità, Gruppi di Studio

12.03.2020 – Un invito alla Comunità Quantica (S)

Noi siamo tutti collegati ed è per questa interconnessione e per la super-resilienza della Terra che gli Event Temples si focalizzeranno energeticamente a sostenere soprattutto e principalmente le persone.

Partecipare agli Event Temples, una nota di James ai membri registrati del 11/06/2008

– – – – – – – – – – – – – – –

Vorrei invitare coloro che restano a casa e sentono di far parte della Comunità Quantica a cogliere questa opportunità per portare il loro contributo alla Griglia di Compassione che circonda la Terra partecipando in questi giorni … insieme a me 🙂 …  a una o più sessione EVT:

EVT 1 – ore 8.00 – 15.00 – 20.00

EVT 2 – ore 4.00 – 16.00

EVT 3 – ore 8.00 – 17.00

– – – – – – – – – – – –

Pagine correlate: * Progetto Event Temples – * La Griglia di Compassione, una nota di James ai membri registrati dell’1/06/2008

Pubblicato in Comunicazioni, Comunità, Tecniche dei WM

La saggezza comportamentale, James Mahu

behavioral_wisdom_headerLa saggezza comportamentale

 

Intelligenza sociale e intelligenza emozionale

Coloro che hanno letto il materiale dei WingMakers e del Lyricus conoscono la distinzione tra la conoscenza della mente dell’intelligenza sociale e la profonda comprensione del cuore dell’intelligenza emozionale. Sono due condizioni uniche nelle quali operate e vi esprimete.

La mente riceve delle impressioni su come funziona il mondo. A volte questo viene chiamato programmazione o condizionamento sociale. La mente accumula la sua programmazione da varie fonti, alcune chiare ed esplicite, come la scuola e la famiglia, altre meno evidenti come le predisposizioni genetiche o la programmazione dei mezzi di comunicazione.

La profonda comprensione del cuore è la facoltà dell’intuizione che si serve del potere delle emozioni per spostare l’esperienza e le situazioni verso una più profonda e ampia prospettiva, vale a dire un quadro più integrato e armonioso. Come tutti noi sappiamo, è facile perdere il nostro senso di armonia e stabilità in mezzo a tempi e avvenimenti stressanti. La profonda comprensione del cuore sostiene la nostra innata capacità di ripristino e di attraversare le situazioni difficili con un senso di scopo e di equilibrio.

Quindi, la conoscenza mentale ci aiuta a orientarci nell’ordine sociale e avere in esso successo, mentre la profonda comprensione del cuore ci aiuta a muoverci nell’ordine emozionale, e a ripristinare e riequilibrare situazioni che producono instabilità ed emozioni negative. Questi sono i loro rispettivi ruoli.

Intelligenza sociale: realtà consensuale

I reami di mente e cuore sono sovrastati dalla coscienza infinita. Nel materiale dei WingMakers ci si riferisce ad essa come alla coscienza di Sovranità Integrale, una coscienza simultaneamente connessa alla Terra e all’infinito (IO SONO), e a tutta la vita (NOI SIAMO). Questo stato sostituisce la mente e il cuore abbracciandoli entrambi.

Per comunicare, la mente si serve di parole, immagini e numeri; il cuore si serve dei sentimenti e dell’empatia; e la nostra coscienza si serve dei comportamenti. Questo è importante, se non fondamentale, da comprendere perché la coscienza sorveglia i nostri stati mentali ed emozionali. È una sfera più ampia che circonda la mente e il cuore. Pertanto, la coscienza è quella parte di noi che è infinita e senza limiti. Non è contenuta nella materia del cervello, nei tessuti del corpo oppure dall’energia emozionale del cuore. Essa è individualizzata quanto lo siamo noi.

La coscienza di Sovranità Integrale si identifica con noi come individui e con il noi collettivo come tutto. Per quanto riguarda noi come individui, ci orchestra – dirige le parti di noi. È il filo d’unificazione sul quale le varie “parti” come la mente, le emozioni e il corpo vengono infilati. E mentre la mente parla con parole e il cuore esprime i sentimenti, la coscienza esprime la sua presenza attraverso il comportamento.

Quindi la domanda è: se il nostro sé superiore usa il comportamento per esprimersi, perché nel mondo il comportamento è così disfunzionale?

La mente, che è allineata con l’intelligenza sociale, si è appropriata del corpo umano. La mente inibisce al corpo di ricevere la guida del suo sé superiore. Il comportamento è una questione fisica (c’è bisogno del corpo). Noi non possiamo trasmettere il nostro sé superiore nel nostro comportamento se il corpo è governato dalla mente o dall’ego. Fa parte della programmazione sociale il mantenere l’attenzione sull’intelligenza sociale, sulle ricompense di glamour, successo, influenza, potere, indipendenza; e anche su una pura e semplice sopravvivenza… e la coscienza del sé infinito viene emarginata in quanto immateriale.

L’eclissi del sé superiore prodotta dalla mente e dall’ego è un segreto ben custodito della realtà consensuale. Ci viene detto che l’essere infinito è un mito, non è provabile, è un’astrazione immaginaria, la pia illusione di una mente e di un cuore ingenuo. Oppure, se ammessa come astrazione, viene ammantata di rivestimenti allegorici come putti e angeli.

L’intelligenza sociale domina il nostro mondo. L’intelligenza emozionale è in espansione. La saggezza comportamentale, ancora infante nella sua influenza sulla Terra, sta silenziosamente orchestrando la nuova coscienza umana.

La totalità del viaggio

L’idea che la coscienza superiore possa dirigere il nostro comportamento attraverso la sincronizzazione di corpo, cuore e mente come team di espressione può apparire irrilevante in un mondo che vuole potere, controllo, denaro e fama facili. Tuttavia, questo programma sociale è in via di distruzione. Immaginate di vedere la demolizione di un grande edificio, e la sua implosione con gli esplosivi, un fotogramma al giorno. Tutta la restante parte della vostra vita scorre secondo il tempo normale mentre il programma sociale con cui venivate nutriti viene demolito a un ritmo ultra-rallentato, tanto da non essere quasi notato.

È quello che sta accadendo. Il programma sociale deve essere distrutto per attivare le persone al reale valore del loro sé infinito. Il direttore d’orchestra in voi può dirigere il corpo, il cuore e la mente come strumenti di espressione. Come un artista capace di creare un’opera d’arte ispiratrice, voi potete creare i comportamenti ispiranti di perdono, apprezzamento, umiltà, compassione, comprensione e ardimento.

Behavioral-Wisdom-imageLa cosa interessante riguardo alla saggezza comportamentale è che sorge da dentro di sé e non altrove. È la creazione del nostro sé infinito nell’espressione di unità (oneness) e uguaglianza. La nostra mente, il nostro cuore e il nostro corpo devono fare parte di questa unità così che il nostro comportamento possa esprimersi con autenticità. Questo è il nuovo “edificio” che verrà eretto dalle macerie dell’intelligenza sociale.

La saggezza comportamentale è la nostra futura dimora. L’avanguardia è iniziata. Noi l’ancoriamo qui sulla Terra nel nostro corpo, cuore e mente. Noi incarniamo questo allineamento senza fanfare o titoli. Perdoniamo le mancanze, comprendendo che fanno parte della totalità del viaggio che supporta i nostri sé infiniti. Restiamo saldi nell’impegno del nostro scopo.

L’impegno è il motore.                                                                                                                        La pratica della saggezza comportamentale è il carburante.                                                        Il veicolo siete voi.

 James Mahu

Bird-Graphic

Fonte originale: https://www.wingmakers.com/behavioral-wisdom/

Pubblicato in Blog WingMakers, James, Nuovo Sito 2014

L’Entità-Una (estratto da “L’Attivismo Spirituale”)

L’Entità-Una è descritta nel diagramma qui sotto. È un altro modo di guardare il vostro sé nello specchio delle vibrazioni.Questo paradigma illustra in modo semplice ciò che gli attivisti spirituali aspirano a mantenere come loro identità, perché se si riesce a immaginare di essere questa figura composita, si potrà emanare con una maggiore intensità e influenza. Di nuovo, è un paradigma semplice che, in se stesso, è semplicemente un modo strutturato di re-immaginare chi voi siete. Questa non è LA verità e nemmeno una rappresentazione della verità dato che servirsi di parole e di un diagramma bidimensionale non può affatto proporre la consistenza e le dimensioni della vostra identità. Osservate semplicemente cosa vi dice, e non soffermatevi troppo.

Consapevolezza è franchezza (openness). Andate avanti, continuate, e non lasciate che nulla vi esaurisca.

Nel nuovo paradigma c’è soltanto l’Entità-Una, che percepisce, si orienta, trova la sua risonanza nel suo universo locale e si serve di questa risonanza per diventare consapevole del suo Centro Spirituale. Questo Centro Spirituale è una “nota” (o un nodo) della sinfonia (o del network) della Sorgente. L’Entità-Una è quindi la fusione dell’Individuo, dell’universo locale, del Centro Spirituale e della Sorgente. Attraverso la nostra percezione e il nostro orientamento troviamo la nostra risonanza con il nostro universo locale esterno e con il nostro ambiente quantico interno.

Per percepire e orientarci noi usiamo l’istinto, l’intuizione e l’intelligenza. L’istinto consiste in un campo di programmi inseriti dalla natura. L’intuizione consiste in un campo di paradigmi che scaturiscono dalla coscienza collettiva e che sono accessibili nei livelli quantici. L’intelligenza è la connessione che sentite verso la vibrazione della Sorgente (la Sinfonia) e la capacità che avete di esprimere questa vibrazione coerente attraverso i suoi comportamenti. Questa è l’intelligenza comportamentale.

Se visualizzate di essere totalmente l’Entità-Una, tutto quello che state facendo è interagire con voi stessi senza alcun programma. È sinergia. State abbracciando voi stessi. Le quattro prospettive del Centro Spirituale sono comportamenti che vi fanno trattare ogni altro essere del vostro ambiente come se foste voi stessi quando interagite con loro. Questo è il modo di vedere le giuste relazioni.

Quando sorge un impedimento, dalla Sorgente, dal vostro Centro Spirituale, sorge un nuovo paradigma che lo rilascia. È proprio per questo motivo che in questi tempi di rapido cambiamento e trasformazione sembra che le mura ci crollino addosso. Il tempo si comprime e noi sentiamo questa compressione quasi in ogni aspetto della nostra vita. Possiamo aver fede e certezza che intanto che le mura si richiudono e la compressione diventa sempre più tangibile, ci vengono anche dati nuovi paradigmi e idee per assorbire queste condizioni pressanti con grazia e facilità.

Gli attivisti spirituali sono i precursori di questi cambiamenti. Noi li sentiamo prima degli altri, dobbiamo gestirli prima degli altri e ne saremo segnati prima degli altri. Ma apprenderemo i nuovi paradigmi prima degli altri e sarà nostra responsabilità passarli a loro; non necessariamente come Trasmettitori di Verità, ma assumendo questi paradigmi con la coerenza del nostro comportamento, delle parole, del tono di voce, dello sguardo, dell’espressione energetica e del cuore. In queste modalità sono contenuti i metodi più potenti che possiamo usare per trasformare il nostro mondo.

– Estratto da: EVT3–Il Tempio dell’Attivismo Spirituale, James Mahu

Pubblicato in Comunità, Diagrammi, EventTemples, James, Tecniche dei WM

I modelli della vita (dal Lyricus – Estratti dalla Cosmogonia Liminale)

La dimensione è sempre modellata dalla non-dimensione

Quando il Lyricus esporta il modello genetico per una specie, il modello non è una struttura fisica o materiale. Tutte le dimensioni dello spazio sono attraversate da un campo vibrazionale primario o di prevalenza quantica. Questo campo è non-fisico ma informa il fisico. Esiste indipendentemente dalle strutture fisiche di esistenza, e può essere pensato come Strutture d’Informazioni Inderivate (Underivative Information Structures – UIS).

Le Strutture d’Informazioni Inderivate sono sub-quantiche e rappresentano lo schema primario per i sistemi viventi e la materia inorganica. Sono le Strutture d’Informazioni Inderivate che danno origine ai campi quantici che interpenetrano i pianeti, le stelle, le galassie e l’universo in generale. Sono il campo di comunicazione della vita che connette il non-locale e il locale, l’individuo e il collettivo, l’uno e l’infinito.

Il Lyricus porta i modelli matrice che operano a livello energetico quantico e sono ingranati o insediati nelle Strutture d’Informazioni Inderivate, che poi agiscono come rete energetica per tutti i modelli matrice. All’interno dei modelli matrice ci sono campi vibrazionali e biomagnetici che danno origine a tutte le espressioni dimensionali, compreso il genoma della specie o di un organismo, e il sistema energetico, i collegamenti, gli accoppiamenti per risonanza (resonant couplings) e i sistemi di comunicazione corrispondenti.

Quindi, il Lyricus definisce i confini fisici di una specie o di un organismo senza esportare una rappresentazione fisica. Piuttosto, questo è “programmato” nel modello matrice a livello quantico e questo modello matrice attiva i sotto-programmi che alla fine formulano l’intelligenza cellulare o l’integrità molecolare di un sistema organico vivente o di materia inorganica.

Di solito, la specie scopre queste strutture energetiche dopo aver pienamente assorbito e assimilato le strutture fisiche che emergono da quelle energetiche. Ci sono undici campi primari di vibrazione e ognuno s’interfaccia con l’altro direttamente. Non sono stratificati in un costrutto tridimensionale. Sono olograficamente avvolti e codificati in un modo che non è esprimibile a parole e non può essere neppure raffigurato con la geometria tri-dimensionale o con le relazioni spaziali.

Il modello matrice è l’interfaccia comune tra ogni campo di vibrazione. Energeticamente, è supportato e sostenuto attraverso le Strutture d’Informazione Inderivate. Le Strutture d’Informazioni Inderivate, i modelli matrice e i sistemi energetici che originano da esso sono costantemente in un processo di comunicazione interattivo. È questa comunicazione che informa il disegno evolutivo di una specie, organismo od oggetto materiale, che sia organico o inorganico.

Questo processo interattivo dei sistemi energetici è monitorato da una frequenza delle Strutture d’Informazioni Inderivate chiamata Sorgente Intelligenza o Intelligenza Universale dello Spirito. Questa frequenza assorbe, filtra ed elabora la comunicazione tra i campi di vibrazione e li distilla in pacchetti d’informazioni adatti ad essere utilizzati dalla Sorgente Primaria. È in questo modo che le interazioni tra tutte le dimensioni di esistenza sono portate in coerenza e applicabilità per la formazione di nuovi mondi, specie e costrutti dimensionali. Questo è il canale nel quale il multiverso evolve e tutta la vita in esso avanza in espressioni di dimensione superiore.

Le Strutture d’Informazioni Inderivate forniscono la struttura sottostante ai campi quantici e ai sistemi energetici che producono la forma e i sistemi viventi che la supportano. Il veicolo dell’anima è un prodotto del modello matrice energeticamente distribuito ai pianeti portatori di vita nel multiverso veicolo delle Strutture d’Informazioni Inderivate. Questo modello, che crea e interagisce con il campo morfogenetico dell’anima, definisce i limiti di funzionalità e di espressione del veicolo dell’anima, ma solo nel flusso del tempo.

– Estratto da: Lyricus, Estratti dalla Cosmogonia Liminale

Pubblicato in Studio Personale