I cambiamenti evolutivi (da Estratti della Cosmogonia Liminale)

La dimensione è sempre modellata dalla non-dimensione

Vi sono quattro cambiamenti evolutivi che precedono la comparsa del Gran Portale, e questi avvengono in genere da tre a cinque generazioni prima della sua scoperta. Si presentano secondo questo ordine:

1. Un cambiamento fisico che si manifesta nell’ambiente planetario e nello spazio circostante. Questo cambiamento fisico è simbolo di cambiamenti epocali nella struttura effettiva che prepara la specie per il Gran Portale. I cambiamenti fisici di solito si manifestano nelle condizioni meteorologiche, in anomalie astronomiche, rivolte etniche, malfunzionamenti tecnologici e malattie; e tutto ciò ha impatto sulla stabilità dell’economia e del pianeta.

2. Un cambiamento emozionale che si esprime nell’azione della specie a gestire in modo più efficace il suo centro emozionale (il cuore) a livello energetico e non-fisico, attivando una connessione a più banda larga tra cuore e centri cerebrali. Questa connessione cuore-cervello allinea i centri energetici del veicolo dell’anima ad accogliere un più profondo risveglio dei poteri intuitivi presenti in modo innato nella mente genetica della specie.

3. Un cambiamento mentale che si esprime quando la mente genetica della specie si rende più accessibile alla specie a seguito del precedente cambiamento dell’integrazione cuore-cervello. La mente genetica – in quanto deposito delle informazioni definite dalla specie – opera indipendentemente dai flussi del tempo orizzontale e può fornire salti quantici di conoscenza quando si accede ai pacchetti d’informazione delle dimensioni superiori.

4. Un cambiamento della mente genetica che avviene quando la griglia della mente genetica diventa discontinua, andando a formare molteplici raggruppamenti. I membri della specie si riorganizzeranno energeticamente in gruppi di risonanza, ciascuno accedendo a regioni differenti della mente genetica ed evolvendo una mente sub- genetica separata dove l’abbinamento per risonanza è più intimamente adatto a ciascun gruppo.

Queste quattro fasi avvengono in tempi susseguenti, dispiegandosi nel tempo e informando e catalizzando la fase successiva sino alla scoperta del Gran Portale. Questa progressività opera secondo procedimenti invisibili, complessi e precisissimi e sistemi di ordine più profondo; e nonostante l’apparente caos di superficie, predominano e sincronizzano gli effetti di superficie di tempo, spazio e materia.

Al termine della quarta fase, l’energia delle Strutture d’Informazioni Inderivate e le strutture effettive del modello matrice iniziano a “calare” nella dimensione planetaria di tempo e spazio, attirate dal cambiamento di coscienza della specie. Quei membri della specie che sono energeticamente attirati verso le regioni dimensionali superiori della mente genetica, riveleranno – durante questo periodo – la scienza della realtà multidimensionale che è sempre stata codificata nel modello matrice in attesa di essere scoperta dalla risonanza di mente e cuore.

Il Gran Portale è olografico, viene emesso dalla Sorgente Primaria e si estende alle UIS, inserito all’interno del modello matrice, condotto nei campi quantici della mente genetica, attratto nei sistemi energetici del veicolo dell’anima e infine avvolto nella molecola del DNA della specie. Questo magistrale interscambio di energia, informazioni ed espressione è orchestrato dal campo magnetico che circonda il Gran Portale.

Il Gran Portale è simile a un campo gravitazionale che sincronizza alla sua presenza tutta la materia circostante. Questa presenza viene rilasciata elettro-magneticamente nei reami tri-dimensionali, dove diventa la forza di richiamo che trascina – letteralmente – una specie attraverso il tempo e lo spazio al Gran Portale, e attraverso il campo energetico che esso rappresenta.

– Estratto da: Estratti dalla Cosmogonia Liminale

Questa voce è stata pubblicata in ECL, Lyricus. Contrassegna il permalink.