Siamo tutti membri di un unico organismo … – dall’Intervista a James Mahu, aprile 2008 – S2

James – Noi siamo tutti membri di un unico organismo in modo molto simile a come i singoli fotoni compongono un raggio di luce o milioni di miliardi di elettroni compongono una corrente elettrica che attraversa una galassia. Quando ci spostiamo dal mondo dei fenomeni alle dimensioni superiori della realtà, l’individualità si muta in comunità e questa comunità è vasta e comprensiva, e contiene un’intelligenza che rispecchia la sua vastità.

Nei prossimi tempi ci saranno sabbie mobili e dubbi striscianti, e molte persone avranno paura nel cercare di afferrarli. Vorrei ricordare a chi ha la mente aperta la possibilità che egli sia qui in questo tempo per dare amore indipendentemente dalle condizioni e dagli avvenimenti del mondo esterno.

E’ motivo fondamentale dell’Event Temples organizzare queste comunità quantiche così che possiamo collettivamente essere esempio di comunità che si fondano sull’amore in mezzo a individui che si fondano sulla paura. E alleggerire le energie di paura, senso di colpa, odio, istinto di sopravvivenza, ignoranza e avidità che verranno emesse nei prossimi anni come doglie del parto di una nuova terra.

Capisco che sia molto facile cadere preda di queste energie basate sulla paura e voler proteggere se stessi e i propri cari, prepararsi a tempi tumultuosi strisciando, di fatto, in un bozzolo protettivo attendendo che il caos passi. Solo che i tempi, per quanto difficili possano diventare, saranno resi più facili per tutti nella più ampia comunità dell’umanità e della terra, se quelli di noi che sono venuti su questo pianeta in questo tempo si risveglieranno pienamente alla loro missione di ricevitori e trasmettitori delle frequenze d’amore nel nostro universo locale, ben sapendo che le mura del nostro universo locale si estendono alle più distanti e antiche mura dell’universo del nostro Creatore. Sono veramente la stessa cosa e ciò che inviamo a uno, va al tutto. Circola nella comunità più grande e la stabilizza in ogni disordine.

Quindi, è vostra responsabilità padroneggiare questo tempo per essere coloro che costruiscono la pace dalla guerra, creano l’amore dal tumulto, cambiano le tenebre in luce e trasformano la disperazione in speranza. Se qualcuno di voi si domanda quale sia la sua missione o scopo, ricordate: è questa!

Il modo in cui rivestite la vostra missione, in termini di lavoro o di passatempo, o di famiglia, o di relazioni interpersonali, ebbene ciò sta a voi, e nel senso ampio della realtà non è importante. Ciò che importa è che esprimiate una vita centrata sull’amore nel vostro universo locale indipendentemente dalle circostanze esterne. Mettete questo al centro della vostra esistenza umana, sapendo che – se lo fate – siete una forza stabilizzante, e questa – di tutte le forze che servono in questo tempo – questa è quella più vitale.

Mark – Sì, lo capisco, almeno intellettualmente, ma farlo è un’altra cosa. Voglio dire, forse è un esempio troppo estremo, ma se c’è mancanza di cibo e scoppiassero dei disordini per la strada, o se l’economia andasse a rotoli, come possiamo restare una forza stabile? Voglio dire, non sarebbe normale farsi prendere dal caos che ci tocca? Penso che sarebbe molto difficile rimanere nel cuore, o esprimere una vita centrata sull’amore in mezzo a questo genere di caos, almeno.

James – Non sto predicendo che ci sarà caos, anche se è una possibilità. Molti degli eventi catastrofici che erano possibili componenti delle doglie del parto della terra sono già stati mitigati. Ci sono abbastanza persone sul pianeta per stabilizzarlo. E questo, a proposito, è un importante motivo per quello che alcuni chiamerebbero sovrappopolazione. In realtà, sul pianeta serve una vasta popolazione umana per avere una forza stabilizzante, in termini energetici… per trasferire un più alto campo di ordine sul pianeta.

Sì, la difficoltà di cui parli è vera, se ci sono delle rivolte per strada, o se il web fosse chiuso per alcuni giorni, o se il governo annunciasse all’improvviso che gli extra-terrestri esistono – questo tipo di eventi avrebbero profonde implicazioni sul nostro ordine sociale. Sarebbe come metterlo a soqquadro per un momento, e in questo stato di disordine sarebbe difficile pensare, agire ed esprimersi al di fuori delle reazioni sociali, specialmente con i media che soffiano sulle fiamme della paura e dell’apprensione.

Ed è proprio questo che vi sarà chiesto di fare. Qualora sentiste che la vostra capacità di irraggiare la vita centrata sull’amore è messa a repentaglio o diminuisce, dovete solo chiamare il vostro Sé Superiore a ripristinarla, attingere alla riserva d’amore e di compassione che vi circonda sempre. (…)

– Estratto da: Intervista a James Mahu di Mark Hempel, aprile 2008 – S2

Questa voce è stata pubblicata in Ante 2014, Interviste a James. Contrassegna il permalink.