Sulla “conoscenza interiore” – James (Creator S3, D/R. 65)

sunglyphNel sito WingMakers.com precedente a quello attuale, era presente la sezione “Creator” che raccoglieva le Domande e Risposte poste a James (nel 2003), di cui le prime due sessioni sono disponibili qui. Della terza sessione, che presenta domande poste principalmente da studenti della Teosofia (A. Bailey–Il Tibetano, ecc.), alcune risposte sono particolarmente interessanti e indicative di come James prenda spunto da una domanda molto specifica per esprimere il suo pensiero particolare.

– – – – – – – – – – –

DomandaAbbiamo letto che il Navigatore di Totalità è un frammento della Sorgente Primaria con tutte le sue capacità intrinseche. In quanto tale, ha il potenziale di avere a volontà tutta la conoscenza. Perché il Navigatore di Totalità dovrebbe avere la necessità di “istruirsi” nelle camere delle Zone Tributarie non-fisiche e, anche, dipendere da esse? Non è stato detto che tutto ciò di cui uno ha bisogno è già contenuto nel Sé? “La Sovranità permette che la sorgente di informazioni liberatrici sia contenuta all’interno del Sé, e che tutto ciò che è necessario per creare nuove realtà è altrettanto contenuto all’interno del Sé. Ogni individuo deve conoscere il suo Sè per essere libero da tutte le forme di affidamento sulle apparenze.”

Risposta di James – Hai dato voce a una domanda che s’aggira nel subconscio di quasi tutti gli studenti di cose esoteriche. Se tutta la conoscenza è all’interno del Sé, perché lo studente necessita di istruzione? La parola chiave della tua domanda è “potenziale”.

Sì, lo strumento umano è intrinsecamente collegato con la Sorgente Primaria tramite la Sorgente Intelligenza. E sì, questo collegamento offre l’accesso a una conoscenza infinita e dinamica; tuttavia, questo punto di accesso o portale non è cosa semplice a cui sintonizzarsi e neppure è “a richiesta”, a discrezione dell’individuo.

Il contatto con la Sorgente Primaria è un’esperienza trasformatrice e può avere l’indesiderata conseguenza di squilibrare l’individuo che non sia appropriatamente preparato alla trasmissione. Abbassare la vibrazione di suono e luce rendendola più accessibile agli studenti è ciò di cui si preoccupa principalmente il Lyricus.

Il Lyricus non consiglia a nessuno di dipendere da un maestro o da del materiale esterno. Fare così implica la stagnazione e la devoluzione del potenziale sentiero di apprendimento della persona. Il Materiale dei WingMakers è progettato per catalizzare particolari recettori della coscienza individualizzata per risonanza. Attraverso questa risonanza, l’individuo “cliccherà” sul suo stesso risveglio-rivelazione-trasformazione, e attraverso questo processo potrà svezzarsi con maggior efficacia da istruzione e dipendenza esterna.

– Estratto da Creator, Sessione 3 (pubbl. 2003) – Domanda e Risposta n. 65

Questa voce è stata pubblicata in Ante 2014, Creator, Creator S3, Extemporanea, James. Contrassegna il permalink.