Commento al Manifesto della Sovranità Integrale, John Berges

pdf (18 pagine)

pdf (18 pagine)

Introduzione

Invece di commentare i 24 punti del Manifesto nella loro sequenza, andremo a esaminarli secondo il tema che presentano.

I raggruppamenti che ho creato sono solo un esempio di come possono essere interpretate le affermazioni del Manifesto. Voi potete considerarle in modo diverso, il che va bene poiché ciascuno di noi cerca la verità dal punto di vista della propria esperienza e di una visione personale del mondo. Tuttavia, più tentiamo di vivere secondo il manifesto e le altre espressioni della Sovranità Integrale, più sarà chiara la comprensione che avremo di queste affermazioni, dato che sono intrinseche alla Sovranità Integrale stessa.

Detto questo, vi incoraggio a studiarle e formulare la vostra personale comprensione del loro significato e di come possano essere applicate nella vostra vita quotidiana. Dopo tutto, l’inondazione di intuizioni che tutti noi sperimentiamo esponendoci agli insegnamenti del Lyricus contribuisce alla comprensione collettiva di questo materiale, portando altresì questo contributo alla Mente Genetica, la coscienza collettiva del genere umano.

Se intendiamo lavorare al fine di stabilirci nella consapevolezza e nei comportamenti della Sovranità Integrale, riflettere sul loro significato ci sarà allora molto utile. Guida e aiuto hanno il loro ruolo nello studio e nella pratica psico-spirituale; alla fine, però, ciascuno è lasciato alle sue azioni, sensazioni e idee. I contenuti della coscienza immagazzinati nella mente e disponibili tramite il cervello rappresentano le nostre esperienze nel mondo che ci circonda. Di conseguenza queste reazioni emozionali e le memorie immagazzinate manifestano e formano la nostra individuale personalità. Lo Strumento Umano diventa, quindi, il veicolo di un personaggio per lo più costruito dalle sue relazioni con i genitori, la famiglia in generale, gli amici, gli insegnanti e i colleghi di lavoro. Nella maggior parte dei casi, fin tanto che non ci volgiamo interiormente per esaminare le nostre tendenze egoiche, le credenze, i pregiudizi e le prese di posizione verso il mondo intorno a noi, avremo difficoltà a comprendere la natura della Sovranità Integrale, per non parlare delle altre cinque componenti, che sono lo Spirito Intelligenza della Sorgente Primaria[1], l’Impronta Residua, il Navigatore di Totalità, il Nucleo Fantasma e lo Strumento Umano.

Quando ci volgiamo interiormente e riflettiamo sulla nostra vita soggettiva, probabilmente ci troviamo di fronte a un vivo contrasto tra il mondo interiore della Sovranità Integrale e il mondo interiore dell’ego con le sue forme-pensiero consolidate, le credenze e gli atteggiamenti generati dal contatto con il mondo esterno oggettivo. Pertanto, un esame dei 24 punti del Manifesto offre un’ulteriore opportunità (oltre all’altro materiale WingMakers/Lyricus) di espandere la propria consapevolezza per incorporare la più ampia e profonda coscienza di Sovranità Integrale nella coscienza di ogni giorno. Il risultato di questi nostri sforzi ci porterà infine ad assumere le qualità della Sovranità Integrale per diventare realmente la Sovranità Integrale.

A questo punto, dopo aver letto il Manifesto, vi potreste domandare come delle semplici parole su un foglio possano mettervi in contatto con un concetto così astratto come quello di Sovranità Integrale. Questa è una buona domanda, specialmente quando ci si rende conto che le parole e il linguaggio sono delle lame a doppio taglio, in quanto possono chiarire ma anche mascherare le molte astrazioni della psicologia e della spiritualità. Per altri spunti di approfondimento su questo, ecco una citazione:

“La sostanza del vostro progetto viene risvegliata da parole che formano i concetti della vostra immagine-di-sé ampliata. Queste parole non sono semplicemente dette, ma sono anche viste, percepite e udite. Esse guidano al tono d’uguaglianza e alla Percezione di Totalità. Lasciate che queste parole scorrano per voi come un’onda gentile su cui galleggiare e muoversi. Vi depositeranno su un nuovo lido, ed è là che comincerete a scoprire la vostra vera natura e scopo.”

Questo passo suggerisce con forza che le parole possono realizzare un altro fine oltre a quello del chiarire o mascherare intendimento e comprensione. La citazione implica che le parole possono venir codificate per indirizzare l’influenza di frequenze, vibrazioni e toni superiori emanati a livello della Sovranità Integrale. In altre parole, le affermazioni del Manifesto possono essere altrettanto codificate quanto i dipinti, la poesia, la musica e la filosofia prodotti da James. Considerando questo come possibile, entriamo nell’esame del Manifesto. (…)

[Testo integrale in pdf – 18 pagine]

Questa voce è stata pubblicata in Nuovo Sito 2014, Riflessioni, Sovranità Integrale. Contrassegna il permalink.